Lettera di congedo dei professori dell’istituto Pergolesi

UNA STORIA DALLA FINE INDECOROSA

In Italia esistono 20 Istituti Superiori di Studi Musicali non statali come il “Pergolesi”, molti dei quali di vecchia fondazione. Nonostante la crisi economica, nessuno di questi istituti è stato rinnegato e abbandonato dai rispettivi enti finanziatori, che siano l’amministrazione comunale, provinciale o regionale, come il “Pergolesi” di Ancona. Al contrario, sono ancora supportati, oltre che finanziariamente, anche nella difficile contesa con il Ministero per ottenere la statizzazione, come prevede un articolo della legge 508/99.
Nel 1978 la città di Fermo riusciva a ottenere rapidamente la statizzazione della locale scuola musicale comunale, nata solo dieci anni prima. Abilità politica o tenacia culturale? Ancona ci ha messo quasi 80 anni e numerosi tentativi fatti dal dopoguerra in poi per ottenere il pareggiamento e dare finalmenteai giovani del territorio la possibilità di sviluppare il loro talento a livello professionale.
Dal 2001, anno del pareggiamento, il “Pergolesi” ha assegnato oltre 600 attestati legalmente validi: licenze, compimenti, diplomi di vecchio ordinamento e diplomi di livello universitario che solo un conservatorio può dare, diversamente dalle numerose scuole di musica private; ha promosso decine di iniziative concertistiche (“Progetto Clementi”, le stagioni deI “Mattino delle Muse”, “Jazz alle 13 cannelle”, “Incantesimi sonori”, ecc.), ha collaborato ai progetti provinciali (“Rete musica”, “Le musiche le ali” ecc.) e regionali (“Progetto Ponte”) per la divulgazione musicale, ma soprattutto ha continuato a fare formazione di livello superiore garantendo il diritto allo studio ai giovani di talento provenienti dalla provincia di Ancona, dal resto delle Marche e dalle altre regioni. Questi giovani ora sono insegnanti di musica, alcuni si sono affermati nel concertismo come solisti o come professori d’orchestra e portano con sé il nome dell’Istituto “Pergolesi” e di Ancona come luoghi dove si è definita la loro preparazione professionale.
Ma tutto questo per l’Amministrazione Mancinelli conta poco, o, al contrario, conta molto, tanto da volerlo nascondere. Troppe volte infatti si sono sentite le voci ufficiali della città sostenere che il lavoro svolto in tutti questi anni dal “Pergolesi” è stato inadeguato o addirittura assente; in alcuni casi hanno cercato persino di sminuire il ruolo della formazione musicale, attribuendole il compito di mera attività di base gestibile dalle strutture private. Sarebbe più dignitoso, oltre che più onesto intellettualmente, ammettere di aver voluto cancellare dalla storia anconetana una istituzione, nonostante questa fosse stata il frutto fortemente e tenacemente sostenuta e desiderata dalle precedenti amministrazioni sin dagli inizi del Novecento.
Esempi di demolizioni dei patrimoni culturali e delle strutture per la formazione dei giovani se ne vedono fin troppi in giro per il mondo e, purtroppo, con tragica ricorrenza cominciano a provenire anche da chi invece dovrebbe difenderli.
In attesa di conoscere il loro destino lavorativo, i docenti del “Pergolesi” si attenderebbero almeno la riconoscenza della città per aver cercato di difendere in ogni modo il presidio culturale contro la barbarie dilagante, giungendo persino a lavorare per due anni senza stipendio pur di assicurare ai propri allievi il diploma sperato o, quanto meno, una dignitosa ricollocazione in altra istituzione musicale, il più possibile lontana dal capoluogo e dalle Marche.

I docenti dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “G.B. Pergolesi” AFAM di Ancona
Ancona 23 marzo 2015

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Lettera del sindaco di Ancona al Ministro Carozza sulla vicenda Pergolesi

Dopo le dimissioni dell’ultimo commissario straordinario, Prof. Di Stasi, ci prova il Sindaco Mancinelli a smuovere le acque per arrivare ad una soluzione per il Pergolesi che dal 31 ottobre 2013 è ufficialmente privo anche del Direttore Didattico, posto che il Prof. Tarsetti ricopriva tale incarico a termine.

 

Onorevole Ministro,

ci facciamo latori con la presente della drammatica situazione che affligge l’Istituto Musicale Pareggiato Pergolesi di Ancona.

Abbiamo ascoltato in questi mesi, immediatamente successivi l’insediamento dell’attuale amministrazione, i rappresentanti dei docenti e degli studenti e tutte le parti in causa e ci ferisce constatare che, ad oggi, l’Istituto vanta un Commissario Ministeriale dimissionario e un Commissario, il Direttore del Conservatorio di Pesaro, in scadenza al 31 ottobre. Siamo quindi di fronte a una struttura acefala, alla vigilia dell’inizio dei corsi accademici, prevista per il 4 novembre, e soprattutto nel mezzo del costruttivo dibattito attorno a quella che il Decreto Legge n. 104 definisce “razionalizzazione” del settore di istruzione musicale.

Stiamo seguendo direttamente tale dibattito perché è nel nostro interesse garantire al capoluogo regionale delle Marche un servizio di Istruzione Musicale Superiore e perché ci sembra si stiano verificando condizioni adeguate a ciò. Non solo: siamo qui a proporre al Suo Ministero, di concordia con docenti e rappresentanti sindacali e degli studenti, una soluzione che potrebbe anche fungere da modello per eventuali altri Istituti Musicali Pareggiati, nell’ottica della suddetta “razionalizzazione”. Si tratta dell’assorbimento da parte del Conservatorio di Pesaro dell’istituto anconetano e quindi del mantenimento del servizio di istruzione musicale cittadino.

Come il Suo Ministero sa, una convenzione tra l’Istituto Pergolesi e il Conservatorio è stata già redatta, ma ha bisogno di un intervento normativo ed economico da parte del Ministero stesso. In particolare il Ministero dovrebbe sia creare la norma che permette la convenzione sia sostenere economicamente l’Istituto nel periodo di passaggio (dall’imminente inizio dei corsi all’assorbimento) e concordare le modalità di assorbimento del personale in maniera tale che non gravino sugli enti locali.

Il Comune di Ancona, da parte sua, sosterrebbe il progetto, garantendo la disponibilità dell’attuale, prestigiosa ed attrezzata sede e di eventuale personale amministrativo.

Onorevole Ministro, il Comune di Ancona, capoluogo di Regione, merita di mantenere un’eccellenza d’istruzione musicale superiore e suggerisce che questo avvenga mettendo in rete le risorse regionali, e sotto l’indispensabile egida statale. L’attuale amministrazione si sta impegnando a fondo per favorire tale processo, che solo Lei può innescare e rendere virtuoso.

Dopo tanta attesa, la “razionalizzazione” di un sistema che ne ha tanto bisogno sembra poter finalmente iniziare, e la nostra città ne è particolarmente lieta, poiché a lungo ha nutrito questa speranza. Ancona può essere l’inizio di un percorso ministeriale, atto a razionalizzare valorizzando gli istituto Musicali Pareggiati laddove sia consono, e facilitandone l’assorbimento laddove sia più conveniente, sia sul piano culturale che su quello formativo e, infine, economico.

Non vediamo altra soluzione e ci auguriamo che il Ministero non sia costretto, visti i tempi stretti, a chiudere un istituto Musicale Pareggiato dalla storia centenaria e dal futuro che si delinea prospero, grazie alla convenzione con Pesaro. Per questo, Le chiediamo di soddisfare le esigenze dell’Istituto in merito a:

–        l’immediata nomina di un Direttore e di un Commissario che si occupi di gestire la convenzione;

–      l’utilizzo di parte delle risorse economiche destinate agli istituti Musicali Pareggiati dal Decreto Legge n. 104 per: a) permettere il regolare inizio e svolgimento dei corsi in attesa della convenzione; b) sostenere l’attuazione della convenzione specie riguardo l’assorbimento graduale del personale.

Il Comune di Ancona si impegna sin d’ora, proponendo e valutando soluzioni atte a garantirne un esito felice. Tuttavia, solo il Ministero può prendersi carico del proseguimento di vita del Pergolesi, o della sua fine”

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

I candidati sindaco di Ancona al Pergolesi

Martedì 9 aprile 2013 alle ore 11,30 presso  l’Auditorium dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “G.B. Pergolesi” di Ancona, si terrà un’’assemblea aperta  con tutti i candidati a Sindaco per la Città di Ancona, durante la quale si esamineranno le  problematiche dell’Istituto attuali e future e le possibilità di soluzione.

Saranno presenti gli organi di stampa .

Si chiede vivamente di partecipare numerosi.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Salvo l’anno accademico 2012/2013

Il 27 dicembre scorso il Commissario straordinario Anna Maria Bertini si è dimessa per l’impossibilità di reperire fondi per la scuola (vedi qui).

La situazione era veramente drammatica e la chiusura sembrava inevitabile. Tuttavia l’incontro dell’8 gennaio con il Direttore Generale AFAM Dott. Civello e  suoi collaboratori e quello del 9 gennaio con il Prefetto di Ancona e le autorità locali, hanno    segnato una svolta e consentito, grazie alla buona volontà delle parti coinvolte, il mantenimento in vita l’Istituto, almeno fino ad ottobre 2013 con la nomina di un nuovo Commissario.

Il Sindaco, in extremis il 28 dicembre, ha previsto lo stanziamento di 402.000 euro per l’anno in corso che consentirà di terminare l’attuale anno accademico. La Provincia, come anche evidenziato nella linea difensiva adottata di fronte al Tar per i ricorsi promossi dall’Istituto e dall’Associazione Genitori, sostiene di non essere responsabile del funzionamento dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “G. B. Pergolesi”, godendo lo stesso della piena autonomia statutaria, gestionale, amministrativa e finanziaria. Il Commissario Patrizia Casagrande si è impegnaro, però, laddove fossero ripristinate le piene funzioni, a corrispondere i contributi garantiti in passato.

La Regione, da tempo, subordina  la disponibilità delle risorse al varo della legge di statizzazione. In tal caso la Regione potrebbe trovare le risorse in fase di assestamento o di variazione di bilancio.

I professori, che continuano a garantire l’impegno accademico, pur senza stipendio, e gli studenti che, con l’occupazione, hanno dato prova di grande maturità e senso di responsabilità hanno almeno ottenuto un parziale risultato: rimanere in vita fino ad ottobre.

Ora serve veramente un impegno serio da parte del nuovo governo sulla statizzazione degli istituti pareggiati e un corrispettivo impegno da parte delle istituzioni locali per mantenere in vita il Pergolesi  fino a quel momento.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

RICORSO AL TAR PER LA TUTELA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

I genitori degli studenti minorenni possono firmare la delega preparata dall’Avv. Jessica Amicucci,  depositata presso la segreteria dell’Istituto fino a stasera.
Il ricorso verrà presentato il 27 mattina.
Per eventuali adesioni tardive potete contattare direttamente

l’Avv. Jessica Amicucci – via Marsala 8. Ancona

Tel. 0712074717 – 3495033040

Fax 0712074313
e-mail: amicucci_jessica@alice.it

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

RIUNIONE DEL 12 DICEMBRE

Nella riunione del 12 dicembre 2012, di fronte alla totale inerzia delle istituzioni locali e alle notizie per niente positive che arrivano da Roma sull’iter del disegno di legge n. 4822, detto Asciutti, i docenti e gli studenti hanno deciso per l’occupazione.
L’avvocato Amicucci, contattato dall’Associazione genitori ha esposto alcune delle possibili modalità di tutela del diritto allo studio degli alunni.
Siamo in attesa di un prospetto più dettagliato. E’ chiaro che l’inattività dell’Istituto reca comunque un danno: i docenti hanno preso i registri e continueranno a fare lezione, ma i registri non sono controfirmati e nulla si sa riguardo alla validità dell’Anno Accademico in corso.

Nelle prossime ore verrà anche elaborato un calendario di attività da fare in autogestione.
Pubblicheremo tutto il materiale appena disponibile.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Che cosa ha fatto l’Associazione

L’Associazione Genitori Pergolesi ha partecipato, affiancando e supportando la direzione didattica e i docenti, alle riunioni indette negli scorsi mesi con i rappresentanti degli enti locali e i sindacati. Ha espresso, con comunicati stampa e interviste, il proprio punto di vista a tutela del diritto allo studio dei giovani alunni del Pergolesi.

Ha infine contattato un legale, Avv. Amicucci,  che  con una prima lettera ha diffidato MIUR, Regione Marche, Provincia e Comune di Ancona,  dal chiudere il Pergolesi per interruzione della continuità didattica e negazione del diritto allo studio, in data 4 luglio e, in seguito alla nota del Commissario del 30 novembre u.s., ha inviato un’ulteriore lettera di diffida al Commissario straordinario e agli altri enti interessati, ad avviare l’anno accademico.

Domani 12 dicembre alle ore 15  ci sarà una riunione con i docenti in cui saranno date importanti comunicazioni.

Invitiamo tutti i genitori a partecipare per valutare il da farsi, anche avvalendosi del legale, Avv. Amicucci, ricordando che qualsiasi iniziativa per tutelare i propri figli non potrà che essere autonoma e personale.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

ISTITUTO PERGOLESI E PROVINCIA DI ANCONA

L’Associazione privata denominata “Istituto Musicale G.B. Pergolesi” è stata costituita su iniziativa del Comune di Ancona e della Provincia di Ancona (Atto Consiliare n. 249 del 20/12/1993, integrato con delibera del Commissario Prefettizio n. 37 del 3/3/1994), a seguito dello scioglimento del Consorzio per l’Istituto Musicale Pergolesi;

  con L. 21 dicembre 1999, n. 508 sono stati riformati gli Istituti musicali pareggiati come previsto all’art. 1. L’art. 2, comma 8, lett. e), indica, quale requisito per la statizzazione degli istituti musicali, l’essere istituti pareggiati;

  la Giunta Provinciale con deliberazione n. 189 del 24/08/1999, autorizzava l’Associazione a predisporre quanto necessario per ottenere dal competente Ministero della Pubblica Istruzione il pareggiamento dell’Istituto Musicale;

     Con il Verbale di deliberazione del Consiglio provinciale di Ancona n. 77 del 31/05/2000, veniva approvato lo Statuto dell’Associazione “Istituto Musicale G.B. Pergolesi”;

     Con D.M. del 31 ottobre 2001, l’Isitituto “G.B. Pergolesi” veniva pareggiato ai Conservatori Statali di Musica;

          Con delibera del Consiglio Provinciale n. 75 del 17/10/2005 veniva definito quanto segue:

  1. di dare atto che, per effetto dell’entrata in vigore del nuovo Statuto dell’Istituto Musicale Pareggiato “Pergolesi” di Ancona, deliberato dal C.d.A. ed approvato dal MIUR con decreto n. 93 del 14.3.2005, ai sensi art. 14 D.P.R. 28.02.2003 n. 132, l’Istituto ha conseguito autonomia statutaria, regolamentare e finanziaria;
  2. di avviare le procedure di concerto tra i due soci gestori, Comune di Ancona e Provincia di Ancona, relative allo scioglimento dell’Associazione privata non riconosciuta denominata “Istituto Musicale G.B. Pergolesi” costituita con atto del Consiglio Provinciale n. 249 del 20.12.1993, in quanto il nuovo Statuto non ha più previsto l’Assemblea dei Soci, organo deputato ai sensi art. 21 C.C. a deliberare lo scioglimento dell’Associazione;
  3. di dover stabilire come atto generale di indirizzo, a norma dell’art. 1, comma 2, lettera b) del vigente Regolamento Provinciale delle provvidenze, approvato con atto consiliare n. 34 del 14.3.2002, che la Provincia provveda ad erogare un contributo annuo di Euro 166.468,53 fino alla statizzazione dell’istituzione e comunque, se questa non fosse intervenuta “medio tempore”, non oltre la scadenza del mandato dell’attuale Amministrazione;
  4. di stabilire che l’importo di cui al punto 3), erogato a titolo di contributo straordinario per assicurare il funzionamento dell’Istituzione, sarà suscettibile di riduzione in relazione alle risultanze del conto consuntivo non potendo comunque essere superiore al disavanzo accertato in tale sede tra spese ed entrate;
  5. di dare atto che lo stanziamento in premessa è previsto nel bilancio pluriennale per gli esercizi 2006 e 2007.

Con delibera n. 557 del 20/12/2005 la Giunta Provinciale deliberava di stabilire come atto di indirizzo il conferimento di un contributo straordinario di € 60.000,00 in favore dell’Istituto Musicale “G. Pergolesi” di Ancona per l’anno 2005;

b)    in data 10 ottobre 2006 con atto notarile del notaio Dott. Scoccianti di Ancona (Repertorio n. 305903, rogito n. 50413) è stata dichiarata sciolta l’Associazione “Istituto Musicale G.B. Pergolesi” e nel contempo, ai sensi dell’art. 2, comma 2 della legge 21 Dicembre 1999 n. 508, l’Istituto Musicale Pareggiato “Pergolesi” è stato trasformato nell’Istituto Superiore di Studi Musicali “G.B. Pergolesi” assumendo tutti i diritti e gli obblighi già facenti capo alla detta Associazione non riconosciuta e subentrando quindi alla stessa in tutte le ragioni, azioni, autorizzazioni, concessioni, diritti, contratti, impegni di qualsiasi natura nessuno escluso od eccettuato;

con delibera di Giunta Provinciale n. 174 del 08/04/2008 si definiva quanto segue:

  1. di approvare il protocollo d’intesa tra la Provincia di Ancona, il Comune di Ancona, la Regione Marche e l’Istituto Superiore di Studi Musicali “G.B. Pergolesi” di Ancona nel testo allegato A), con il quale gli Enti si impegnano a contribuire alla gestione dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “G.B. Pergolesi” di Ancona allo scopo di garantirne l’efficiente funzionamento;
  2. di dare atto che la Provincia di Ancona, in forza di tale accordo, si impegna a garantire annualmente per un periodo di tre anni, a partire dal 2008, un finanziamento di Euro 180.000,00 con la precisazione che la contribuzione verrà rivista qualora medio tempore dovesse avvenire la statizzazione dell’Istituto;
  3. di dare atto che la spesa in premessa trova copertura nel bilancio pluriennale, esercizi 2008, 2009, 2010;

d)    cessata la validità del Protocollo d’Intesa sopra citato, la Provincia di Ancona, nell’anno 2011 ha dato comunque corso ad un intervento straordinario mediante la concessione di un contributo di € 170.000,00;

e)     con decisione del 2 maggio 2012, la Giunta Provinciale ha approvato la relazione della Dirigente condividendo la proposta di erogazione di un contributo complessivo di € 100.000,00 per il 2012 all’Istituto Pergolesi di Ancona.

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Pergolesi: l’occupazione

Da domani partirà l’occupazione del Pergolesi.
E’ opportuno allora riassumere brevemente che cosa è accaduto negli ultimi mesi.

La situazione finanziaria dell’Istituto era preoccupante da almeno due anni. Il Pergolesi finanziato dagli enti locali, Regione Marche, Provincia e Comune di Ancona, ha visto assottigliarsi i finanziamenti fino all’azzeramento.
Il Consiglio di Amministrazione, che ha chiuso per due esercizi di seguito il bilancio in disavanzo ha dovuto dimettersi. Il 14 giugno scorso, dopo un incontro con i docenti e il presidente dimissionario, chiedemmo provocatoriamente alle istituzioni, se un’altro bilancio fosse possibile. Nessuna risposta. O meglio in una successiva riunione cui abbiamo partecipato il 4 luglio con i rappresentanti della Regione, della Provincia commissariata e con il sindaco Gramillano, ci fu detto chiaramente che era impossibile trovare fondi a qualsiasi livello locale. Fu però formalizzato un impegno ad esercitare pressioni per l’approvazione del disegno di legge Asciutti che avrebbe previsto la statizzazione per gli ex-pareggiati.

Ai primi di agosto veniva nominato un Commissario straordinario, ad acta o liquidatore, la D.ssa Bertini, che aveva il compito di raccogliere i fondi per consentire l’avvio dell’AA 2012/13.  Il 15 settembre veniva dato il via libera alle iscrizioni e il Commissario dava la garanzia dell’avvio dell’anno.

E tuttavia con una lettera inviata agli alunni si comunicava che l’inizio delle lezioni sarebbe stato posticipato di un mese, al 3 dicembre. Questa decisione allarmava i docenti che il 5 novembre convocavano una conferenza stampa durante la quale si veniva a sapere che in mancanza di fondi, neanche il 3 dicembre c’era la garanzia dell’apertura dell’anno accademico.

Il 3 dicembre una nota del Commissario Bertini diffidava il Consiglio Accademico e il suo Presidente, Prof. Marchionni, dall’aprire le lezioni, poiché l’anno non avrebbe avuto copertura finanziaria. Il Consiglio Accademico si è  adeguato alla decisione commissariale,  chiedendo contestualmente lumi al MIUR.

Il MIUR ancora non si è espresso, ma i professori il 3 dicembre hanno comunque deciso di continuare a tenere le lezioni e  da domani il Pergolesi è in regime di occupazione.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

L’ANNO ACCADEMICO PARTE O NON PARTE?

Dopo ampie rassicurazioni sull’avvio dell’A.A. 2012/13 da parte del Commissario, D.ssa Bertini, fiduciosa in una soluzione legislativa tramite l’approvazione con modifiche del D.d.L. Asciutti, il 3 dicembre scorso, alla riunione per fissare gli orari delle lezioni i genitori scoprivano che la stessa aveva diffidato, con nota redatta il 30 novembre,  il Direttore dall’apertura delle lezioni.

L’Anno accademico, il cui inizio era già stato rinviato al 3 dicembre, rischia così di non partire, causando una lesione del diritto allo studio dei ragazzi.

In attesa di ulteriori sviluppi gli orari delle lezioni sono stati comunque fissati e i genitori hanno provveduto a firmare un esonero di responsabilità nei confronti dei docenti.

Il modulo di esonero è reperibile nei post sottostanti.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento